Caro don

DSC_0871 2-1  Caro Don
Stamane quando mi sono svegliato mi è tornata in mente la prima volta che ti ho visto! Ero solo un bambino. Tu camminavi saltellando, l’ho notato poi nel corso della mia esistenza in pochissime persone.
E’ il modo di camminare di chi è sereno, di chi è felice del solo fatto di esistere e lo vuole donare agli altri, di chi conduce la sua vita proprio come desiderava che fosse, di chi in ogni passo ci mette tutta la gioia del suo essere,

DI CHI E’ IN PACE CON SE STESSO E CON GLI ALTRI.

Mi piace pensare che ora anche lì nei prati del Signore TU continui così per la tua strada camminando come sempre, con piccoli saltelli e conducendo per mano altre anime come hai fatto con la mia e tante, tantissime altre.
Poco è dire che ti voglio BENE!
Come farò adesso SENZA DI TE? Mi manca già il tuo sorriso. Quel sorriso che ti ha sempre preceduto, quel sorriso che ti accoglieva con semplicità e ti faceva sentire unico, quel sorriso che ti carezzava come solo un papà può fare, quel sorriso che ti introduceva in un mondo speciale, dove non c’è rancore o inimicizie ma solo amore, AMORE E FEDE.
Si fede, quella fede semplice, totale incondizionata, quella fede che ti ha sorretto nelle piccole e grandi prove che la vita non manca di offrirci quotidianamente.
Ma tu, ecco, ti fermavi solo un attimo e poi di nuovo lì pronto a saltellare nella vita, a produrre felicità pura per tutti quelli che avevano la FORTUNA di incontrarti.

Continua a starci vicino DON!

Il tuo inde-fesso amico, come scherzando firmavo i messaggini che ti inviavo.

MESAGNE 18 SETTEMBRE 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *